Webank e la “Banca che vorrei”: “Cerchio d’oro” dell’innovazione finanziaria 2010

Webank e la “Banca che vorrei”: “Cerchio d’oro” dell’innovazione finanziaria 2010 #PremiERiconoscimenti

 Un nuovo, importante riconoscimento è stato attribuito al progetto “La Banca che vorrei” promosso da Webank per la categoria “Organizzazione&Operations”, nell’ambito del prestigioso “Cerchio d’Oro dell’innovazione finanziaria”.

Il premio, indetto da AIFIn (Associazione Italiana Financial Innovation), punta a valorizzare i progetti più innovativi in ambito bancario, assicurativo e finanziario; vi hanno partecipato 29 intermediari finanziari di diversa tipologia e dimensione, per un totale di 75 progetti.

Il premio, basandosi sui principi di indipendenza, obiettività ed eticità ed essendo aperto a tutti gli intermediari bancari, assicurativi e finanziari, si propone di:

  • essere un riconoscimento all’innovatività degli intermediari bancari, assicurativi e finanziari e alle loro capacità di anticipare e/o guidare i cambiamenti di mercato
  • essere un riconoscimento ai manager che hanno attivato e gestito le iniziative innovative e al loro staff
  • essere una “guida” per il mercato delle iniziative più innovative e uno stimolo all’innovazione
  • promuovere la cultura dell’innovazione nel settore bancario, assicurativo e finanziario.

“La Banca che vorrei” è la prima piattaforma italiana di social banking: il premio, ricevuto a pochi mesi dal lancio della piattaforma, conferma la validità dell’intuizione avuta da Webank. Sulla piattaforma, gli utenti possono condividere le proprie idee riguardanti la banca:

  • servizi che vorrebbero fossero implementati
  • proposte per il miglioramento delle procedure
  • sviluppi tecnologici o accorgimenti grafici.

Le idee possono riguardare i diversi ambiti di attività: banking, trading, investimenti, mutui e prestiti, mobile, sicurezza. I membri della community posso esprimere il loro apprezzamento, votando i diversi contributi. Webank prende in attenta considerazione ogni singolo spunto, realizzando concretamente quelli più validi e dimostrando così di attribuire un reale valore alle opinioni dei suoi clienti.

Si tratta di un’innovativa estensione delle logiche del “web 2.0” al mondo bancario: l’azienda ed il consumatore divengono co-creatori di valore, innescando un meccanismo di comunicazione bidirezionale e dando voce a coloro che meglio di tutti conoscono prodotti e servizi.

L’utente, ne “La Banca che vorrei”, esce da un ambito di mera passività ed ha modo di esprimere compiutamente il proprio contributo all’evoluzione dell’ente di cui è correntista: un principio altamente evoluto, che conferma il grande focus della banca online del gruppo BPM verso l’innovazione.

 

Aiutaci a diventare la tua banca ideale proponendoci la tue idee, consigliandoci dei miglioramenti o suggerendoci le funzionalità che ti piacerebbe poter sfruttare.

biancl • 12/01/2016

E' possibile avere nel sito e nell'app mobile un contatore per sapere quanto è possibile spendere ancora mensilmente con il bancomat?

Partecipa anche tu