Mutuo Webank è il “Miglior Mutuo Banche online 2016”

Mutuo Webank è il “Miglior Mutuo Banche online 2016” #Mutuo #PremiERiconoscimenti

Il  “Miglior Mutuo Banche online 2016 “ per la soddisfazione dei Clienti è quello di Webank.

L’Istituto Tedesco Qualità e Finanza, in esclusiva per Corriere Economia, ha premiato nuovamente Webank, il canale online della Banca Popolare di Milano, che aveva ricevuto il medesimo riconoscimento nel 2015.

È stata analizzata in modo accurato la qualità del servizio offerto, per capire quali Banche soddisfano al meglio i bisogni manifestati dai clienti.

Le classifiche di qualità sono il risultato del sondaggio su un campione rappresentativo di clienti che negli ultimi 12 mesi ha acceso un mutuo con almeno una delle 15 principali banche italiane.

Sono stati segnalati sei aspetti ritenuti fondamentali per determinare in modo oggettivo la qualità del servizio delle banche nell’erogazione e gestione dei mutui. Ponderando successivamente i risultati delle varie categorie, è stata stilata una classifica finale, distinta tra agenzie tradizionali e online.

Per l’analisi dell’offerta di prodotti sono state prese in esame:

  • la trasparenza dei prodotti;
  • l’ampiezza di gamma;
  • la possibilità di ottenere importi elevati.

La comunicazione è stata esaminata considerando:

  • la trasparenza;
  • l’adeguatezza delle informazioni;
  • la raggiungibilità del personale.

L’assistenza e relazione coi clienti è stata determinata da:

  • cortesia;
  • competenza;
  • tempi di istruttoria.

Per il fatidico rapporto qualità/prezzo, invece, sono stati presi in considerazione:

  • la trasparenza dei prezzi
  • la disponibilità dell’Istituto di credito di includerli nel prezzo finale;
  • prezzo tutto incluso

Il quinto aspetto ha considerato l’usabilità del sito web e la funzionalità delle app. Infine, è stata valutata la flessibilità ossia la possibilità sospenderne i pagamenti in caso di momentanea difficoltà o di rinegoziare il mutuo.

miglior-mutuo-in-evidenza

L’Istituto ha inoltre messo a punto un confronto – sulla base dei dati forniti dal portale Mutuionline.it – tra i costi effettivi a tasso fisso e quelli variabili per quattro finanziamenti tra loro differenti per importo, attività lavorativa e reddito del richiedente, ubicazione della casa e apporto dei contanti.

Sono stati dunque analizzati quattro diversi profili

  • il dipendente di 40 anni, con 2.800 euro di reddito mensile, che contrae un mutuo di 140 mila euro a vent’anni per una casa a Roma del valore di 235 mila euro;
  • il lavoratore autonomo con 3.000 euro di guadagno al mese che chiede un finanziamento per 170 mila euro a 25 anni per un appartamento a Milano valutato 245 mila;
  • il dipendente statale romano con reddito di 2.600 euro al mese, che richiede una surroga per 20 anni da 120 mila euro per l’acquisto di una casa da 240 mila;
  • Il ventottenne single impiegato (da 1.700 euro al mese), che chiede, a Napoli, 80 mila euro a trent’anni per una casa da 100 mila.

Sono emerse le caratteristiche dei migliori mutui disponibili online e presso banche tradizionali, sia a tasso fisso che variabile, utili per i clienti al fine di individuare l’Istituto di credito presso il quale attivare un mutuo alle condizioni più vantaggiose possibili: dati importantissimi, dunque, che vanno ad incidere in modo preponderante nelle tasche e nelle scelte dei clienti stessi.

Anche in questo caso Mutuo Webank si aggiudica il sigillo Top Condizioni tra le banche on line!

Indagine dell´Istituto tedesco Qualità e Finanza sulla qualità delle 15 principali banche per mutui, realizzata tra Febbraio e Marzo 2016.


Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Per le condizioni contrattuali relative al Mutuo Webank leggi i Fogli Informativi disponibili sul sito www.webank.it.

Aiutaci a diventare la tua banca ideale proponendoci la tue idee, consigliandoci dei miglioramenti o suggerendoci le funzionalità che ti piacerebbe poter sfruttare.

biancl • 12/01/2016

E' possibile avere nel sito e nell'app mobile un contatore per sapere quanto è possibile spendere ancora mensilmente con il bancomat?

Partecipa anche tu